venerdì 5 aprile 2013

Eurolega 2012-13

Si è praticamente conclusa la fase delle top 16 di Eurolega, manca solo un incontro in ogni caso ininfluente ai fini della qualificazione alla fase ad eliminazione diretta, infatti Besiktas e Fenerbahce che si incontrano oggi erano già eliminate. Nel gruppo E i giochi erano fatti con la qualificazione già in tasca per Cska Mosca, Real Madrid, Anadolu Efes e Panathinaikos, nel gruppo F invece i giochi erano quasi tutti aperti, a parte il Barcellona che era già qualificato da tempo, per gli altri tre posti erano in lizza ben 5 squadre, alla fine l'hanno spuntata l'Olympiacos campione uscente, che in uno scontro decisivo ha prevalso sul Khimki, il redivivo Maccabi Tel Aviv e il sempre imprevedibile Caja Laboral Vitoria che proprio ieri battendo il Montepaschi Mens Sana Siena si qualifica e contemporaneamente elimina  l'ultima italiana rimasta.
La Montepaschi dopo un grande inizio nelle top 16 si è persa per strada, vuoi per gli infortuni che hanno sicuramente condizionato il girone di ritorno, perchè per una squadra come Siena in questo tipo di competizione, l'assenza di Tomas Ress, per tante partite è stata a mio avviso fondamentale, e poi ha dovuto fare a meno anche di Daniel Hackett, che di sicuro quando ha giocato ha dato un grande impatto alla squadra sia nella fase difensiva che in quella offensiva, poi via via ha avuto problemi anche Matt Janning e diciamo che per una squadra come la Mens Sana queste assenze hanno sicuramente pesato data la limitatezza del roster a disposizione dell'allenatore Luca Banchi. Sia chiaro anche questi infortuni non giustificano a mio avviso la sconfitta a Istanbul di due settimane fa, contro una squadra che era a zero vittorie e completamente allo sbando, quella sconfitta è stata decisiva, una partita che anche una Mens Sana con tanti problemi avrebbe dovuto portare a casa, ma in ogni caso bisogna accettare la realtà dei fatti, il nostro basket a mio avviso è un pò in crisi, ma non tanto a livello di talento individuale, ma quanto di squadre di club, e penso che questa edizione di Eurolega lo abbia confermato. Per il resto c'è da dire che a mio avviso i grandi favoriti restano quelli della vigilia della competizione ossia il Cska Mosca, il Real Madrid e il Barcellona, a mio avviso hanno qualcosa in più delle altre anche se come la competizione insegna, le sorprese sono sempre dietro l'angolo. Forse delle otto rimaste in gara il Maccabi e il Caja Laboral sembrano le squadre più deboli e probabilmente andranno fuori subito, invece ci dovrebbe molto equilibrio nella sfida tra l'Olympiacos e l'Anadolu Efes, due squadre che a mio parere sono molto equilibrate, e il Barcellona credo che debba fare molta attenzione al Panathinaikos in quanto la squadra greca è pur sempre una squadra coriacea ed ha in Diamantidis il faro che può illuminare anche le serate più buie. In ultima analisi penso quindi che il Real Madrid e il Cska  superino agevolmente il Maccabi e il Caja Laboral e invece gli altri due scontri dei quarti di finale  presentano a mio avviso maggiore equilibrio e probabilmente si risolveranno all'ultimo match disponibile.