lunedì 13 maggio 2013

Olympiacos ancora sul tetto d'Europa

L'Eurolega 2012-2013 si conclude con le final four di Londra 10 e 12 maggio e con la conferma dei Campioni in carica i greci dell'Olympiacos del Pireo che hanno bissato il successo dello scorso anno e lo hanno fatto alla loro maniera rimontando un parziale di 27 a 10 che nel primo quarto li vedeva sotterrati dal Real Madrid, ma loro sono così, non mollano mai, sono una squadra unita e distinta da una grandissima determinazione, una mentalità vincente che non si abbatte agli svantaggi, anzi gli stimola a provare il possibile e l'impossibile. La partita come detto all'inizio era in mano del Real che dopo 10 minuti di gioco sembrava destinato a dominarla, ma i bianchi non avevano ancora fatto i conti con la ormai celeberrima tendenza alle rimonte anche impossibili della squadra greca, i greci mettevano una grande determinazione nel secondo quarto tanto da chiudere il primo tempo in svantaggio di soli 4 punti ( 37 a 41 ). Nella ripresa saliva in cattedra Vassilis Spanoulis, zero punti nel primo tempo e 22 totali alla fine ed Mvp delle finali, che con i suoi canestri metteva il turbo all'attacco dei greci, nonostante Papanikolau e Printetzis, 5 punti a testa, abbiamo giocato ampiamente sottotono, ci pensavano gli ottimi Acie Law ( 20 punti con 5 rimbalzi e 5 assist ), Antic ( 10 punti e 6 rimbalzi ), Hines ( 12 punti con 5 rimbalzi e 3 assist ), Sloukas ( 11 punti ) e Perperoglou ( 10 punti ) a bombardare la difesa madrilena. Nel Real Madrid su tutti Rudy Fernandez ( 21 punti con 3 rimbalzi e 3 assist ) anche se nel finale si è macchiato di un paio di comportamenti antisportivi che probabilmente ne denotano i limiti, con lui ottimo anche Rodriguez ( 17 punti con 4 assist e 3 rimbalzi ma anche 4 palle perse ) e un discreto Llull ( 14 punti con 4 assist e 3 rimbalzi ), il tutto comunque non bastava a contenere la foga e la determinazione dei greci che nel finale dilagavano e conquistavano una meritatissima vittoria. Nella finalina per il terzo posto il Cska Mosca del nostro Ettore Messina superava di misura il Barcellona per 74 a 73.