martedì 20 agosto 2013

I Maya e il loro sistema numerico

Tavola numerica
I Maya avevano buone conoscenze matematiche e uno dei loro maggiori interessi era il calcolo del tempo, il loro sistema numerico non era a base decimale ma vigesimale ( venti il numero base ). Si venti come le dita di mani e piedi, a pensarci risulta strano, se viene abbastanza semplice immaginare conteggi con le dita delle mani farlo con quelle dei piedi è perlomeno bizzarro e forsanche complicato, in ogni caso probabilmente non lo era per i Maya che della matematica fecero uno dei capisaldi della loro civiltà. Svilupparono anche l'idea dello zero, il cui simbolo era una conchiglia, gli altri valori erano rappresentati con un punto ( . ) per indicare il valore di uno e con una barra ( - ) per indicare il valore di cinque e contavano naturalmente per gruppi di venti. Altra curiosità e che i maya non avevano unità di misura di peso e capacità, ma calcolavano tutto secondo il sistema numerico e quindi per vendere ad esempio i semi di cacao li contavano uno per uno fino alle quantità di vendita che andavano da circa quattrocento a circa ottomila semi e a quanto pare erano anche piuttosto rapidi in questi estenuanti conteggi.