lunedì 27 gennaio 2014

Dall'Oscurità dei campi di sterminio alla luce della Storia.

Cade oggi il giorno della memoria, il giorno in cui a livello internazionale si commemorano le vittime dello sterminio di massa, genocidio, attuato dai nazisti durante la seconda guerra mondiale, caduti che in massima parte furono ebrei e che furono vittime del piano criminale e delirante della elite nazista nel tentativo di "purificare" i territori dell'Europa centro-orientale al fine del ripopolamento "ariano" di quei luoghi. Nel titolo ho scritto oscurità, l'oscurità dei campi di sterminio, si perchè tali campi di morte erano posti in luoghi pressochè isolati, lontani da occhi indiscreti, naturalmente per cercare di mantenere il riserbo su quel piano diabolico, sia per l'opinione pubblica nazionale che internazionale, fortunatamente quella Germania perse la guerra e la Storia ha potuto fare ampia luce sugli orrori di quegli anni, una luce che deve illuminare le menti di queste e delle future generazioni, perchè purtroppo quel monito e quelle mostruosità non hanno messo fine al perpetrarne di altre, le fosse comuni sono un fenomeno vicinissimo, sia temporalmente che geograficamente, basti ricordare la guerra e i relativi crimini di guerra nella ex Jugoslavia, il genocidio è sempre dietro l'angolo, di certo parlare di questi crimini dovrebbe sempre essere strumento utile a risvegliare la memoria, a cercare di superare definitivamente certe abiezioni umane, che sembrano fin troppo insite nell'animo dell'umana specie, pronte a venir fuori allo scoppiare di nuovi conflitti. Credo che l'uomo debba superare la propria ignoranza per divenire migliore, l'ignoranza che sta alla base di ogni discriminazione e di ogni violenza, l'ignoranza che turba la quieta convivenza dei popoli, l'ignoranza che permette il perpetrarsi di genocidi e violenze inaudite, l'ignoranza che viola la dignità umana. In questo senso il giorno della memoria è anche il giorno che apre alla luce della conoscenza per sconfiggere finalmente l'Oscurità dell'ignoranza.

Nessun commento:

Posta un commento