lunedì 12 maggio 2014

Basta con Mare Nostrum

Mare Nostrum è il nome dell'operazione militare e di soccorso che vede impegnate le forze navali militari italiane nel canale di Sicilia, con il compito di intercettare le "carrette del mare" per soccorrere i migranti e provvedere alla identificazione e all'arresto gli scafisti. In pratica si intercettano queste barche al largo della Libia e si portano i migranti in Italia, proprio una bella trovata, a me onestamente non sembra una risoluzione del problema, dato che il problema resta e credo che venga anche amplificato da questa operazione che mi sembra quanto meno discutibile. I migranti comunque arrivano nel nostro paese e arrivano in numero tale da causare problemi di ogni tipo, ovviamente alla classe politica questo conviene, perchè facendo arrivare migliaia di persone da Africa e Asia contano poi di usarli come capri espiatori quando sorgeranno nuovi problemi nel paese, d'altro canto è un metodo vecchio come il mondo, mettere i poveri contro i poveri per mascherare o coprire le colpe e le responsabilità dei potenti. Il loro piano è semplice intanto mal spendendo il denaro pubblico in questa operazione che è sostanzialmente inutile e dannosa, successivamente si cercherà di spostare l'attenzione sul problema di questi migranti all'interno del nostro paese per causare tensione nell'opinione pubblica che porti ad uno scontro per così dire etnico e che distolga quindi l'attenzione dai veri problemi che vengono così sapientemente mascherati dalla vergognosa casta del potere e dei potenti. Per questo sono contrario a far arrivare nuovi profughi o migranti che siano, queste imbarcazioni devono essere si bloccate al largo delle coste libiche ma riaccompagnate al suolo africano e non condotte in Sicilia, e porre in stato di blocco i porti libici fintanto che non si risolva il problema, si perchè siamo tanto bravi a mandare soldati in Iraq, in Afghanistan e poi non si riesce ad utilizzare i nostri militari per fermare questa invasione indiscriminata di migranti.

Nessun commento:

Posta un commento

Archivio blog