lunedì 8 agosto 2016

Dal delitto passionale al femminicidio

Come passano i tempi e passano in fretta. Fino a poco tempo fa quando un uomo uccideva una donna con movente di tipo sentimentale o sessuale si parlava di delitto passionale. Al giorno d'oggi la pubblicistica vuole che questo crimine sia evidenziato come femminicidio. Sinceramente penso che questa nuova "idea" sia sbagliata e fuorviante. In primo luogo perché anche le donne uccidono per motivi passionali. Forse i numeri degli omicidi commessi dagli uomini saranno maggiori ma questo è imputabile a fattori biologici e genetici più che culturali.
Però piace parlare di femminicidio come se le donne fossero sotto attacco. I delitti di natura passionale sono i più comuni e di certo non si fermeranno con il cambiamento di determinate leggi. E' un fatto intrinseco del mondo umano. Sono le passioni che muovono il mondo e le stesse passioni possono condurre ad efferati delitti. Ma non per questo bisogna esagerare. Questa società tende a creare falsi problemi come quello del cosiddetto femminicidio per nascondere o tentare di nascondere i veri problemi.

Nessun commento:

Posta un commento