venerdì 21 ottobre 2016

Il prete e il colonnello.

Non parlerò di un film anche se il titolo dell'articolo sembrerebbe quasi cinematografico, dedicherò qualche riga ad un fatto avvenuto recentemente a Palermo. Un prete, cappellano all'ospedale civico, e un colonnello dell'esercito sono stati accusati di violenza sessuale anche su minori. Il tutto accadeva durante dei presunti esorcismi. Si il prete a quanto pare era un noto esorcista della città e il colonnello pare che aiutasse il cappellano in questi riti liberatori. Proprio durante questi riti accadeva il fattaccio, i due pare che palpeggiassero le vittime durante i presunti esorcismi.
A questo punto vorrei fare una riflessione, ma non tanto sulla notizia dell'abuso del cappellano e del colonnello nei confronti di due donne e 3 minori, non perchè questo non sia abominevole e deplorevole, però pensare che nel mondo di oggi ci sia ancora gente che crede a questi riti ancestrali per me è spunto di riflessione. Certo non è sorprendente in quanto in questo paese non si fa nulla per diffondere la cultura e per avere una popolazione più consapevole. Spesso è proprio il contrario e questi ne sono i retaggi. Quelle donne potevano evitare la violenza se solo fossero state consapevoli dell'assurdità del rito dell'esorcismo. In un certo qual modo quando ci sono questi avvenimenti risulta esserci una colpevolezza da parte di chi governa questa società.